Vi presentiamo Dongo - turistico ed industriale centro della parte nord - occidentale del Lago di Como. Dongo si trova nella foce del fiume Albano, con vista mozzafiato sul Monte Legnone e sulle Grigne del nord. Una delle più antiche tradizioni della zona è considerata la lavorazione di ferro della valle di Dongo, anche se l’estrazione di ferro è stata interrotta nel 1800. 
Di origine romana, Dongo nel 1534 si è unita a Gravedona e Sorico ed è diventata uno delle Tre Pievi più importanti del lago di Como. Dal Medioevo è rimasto un piccolo ricordo di Piazza Vertua Gentile. Un posto speciale nella storia è riservato a Dongo, in connessione con la cessazione del fascismo. Questo è dovuto al 28 aprile del 1945 quando sono stati privati ​​della loro vita i leader dell'organizzazione fascista, che cercavano di sfuggire in Svizzera insieme a Mussolini, ma furono arrestati dai guerriglieri tra Musso e Dongo. Ogni 25 aprile Dongo diventava la scena del conflitto tra i partigiani e sostenitori del fascismo, finché sul posto non e stato realizzato il monumento, che alla fine ha dato il posto alla fontana.
Oggi Dongo è un paese tranquillo e confortevole, che è riuscito a conservare fino ai nostri giorni una serie di attrattive. Certamente degno della vostra attenzione è il Palazzo del Vescovo. Il palazzo del Vescovo è stato originariamente costruito nel 1600 per il marchese Cosson e nel 1854 lo ha acquistato il vescovo di Como, Carlo Romano. Dopo un secolo, il palazzo divenne proprietà del comune del paese. Grazie agli sforzi degli abitanti di Dongo il famoso edificio è stato restaurato e consegnato all'«Alto Lario» Scuola di Musica, che ospita anche gli «International Piano Academy».
Merita certamente una visita Palazzo Manzi, situato nella piazza vicino al molo. Costruito nel 1824 su progetto di Pietro Gilardoni, il palazzo diventò simbolo di epoca napoleonica nella zona del Lago di Como. Nel 1937 Giuseppina Manzi donò il Palazzo al paese di Dongo, nello quale stabilì il comune. Piuttosto modesta facciata nasconde dietro le sue mura un magnifico interno. Vi è una grande sala a due piani con un balcone d'onore, chiamata Sala d’Oro, grazie ad un ampia doratura e decorazioni su rilievi. Il centro della sala mostra il centro del mondo, o meglio Parnaso, luogo sacro per Apollo e muse, affrescata dallo studente dell'Appiani. Ai vecchi tempi, la famiglia nobile organizzava qui i ricevimenti. Oggi il palazzo è aperto al pubblico soprattutto durante le ore del mattino.
Tra le numerose chiese a Dongo, dovute parole merita una delle più grandi chiese del lago di Como - Chiesa di S. Stefano, di origine romanica, ricostruita nel 1716 sulla base del tempio nel 1315. La parte interna è costituita da tre navate e tre absidi, possiamo ancora vedere la fonte battesimale del 1400 , gli affreschi del 16° secolo e le statue in gesso di S. Salter del 1770. Un'altra attrazione interessante da visitare è la chiesa di Santa Maria della Martinica, costruita nel 11 ° secolo, poi restaurata nel 20 esimo secolo. La chiesa conserva affreschi del 1310 ai corridoi e sotto il tetto, così come la più bella croce d'argento dallo studio di Sir Gregory del 1513. Speciale e insolita è la chiesa della Madonna delle Lacrime. E 'stato costruita grazie ad un miracolo avvenuto. Nei primi anni del 16 ° secolo, non lontano dal fiume Albano, esisteva una cappella con l'immagine della Madonna col Bambino. Nel 1541, è rimasta intatta dopo che le acque uscirono dalle sponde del fiume, e nel 1553 è successo un indimenticabile fatto in cui la Madonna cominciò a piangere. Il prete Bonizio sorpreso raccolse le lacrime nella coppa e condivide ciò che avvenne con i cittadini. Nello stesso anno, un piccolo tempio è stato costruito su questo sito.
Naturalmente situato tra le montagne e il lago Dongo è in grado di offrire un numero infinito di attività sportive, come il trekking in montagna, arrampicata su roccia, parapendio, una varietà di sport acquatici. Inoltre, da qui si può iniziare una gita in barca, esplorando i luoghi più interessanti e spettacolari del lago di Como.